Semuc Champey. Guatemala. Benvenuti in Paradiso.

Se dovessi descrivere il livello l’intensità del piacere che ho provato mettendo piede a Semuc Champey penso che darei forma a un vortice che comprende pura bellezza, natura selvaggia, giungla, libertà, acqua, amore, cocco, sudore, cascate e tanti altri dettagli meravigliosi.

Qualsiasi esperienza, a suo modo, può essere calcolata a seconda dell’intensità della sua vibrazione. A volte dipende da noi, altre da fattori esterni, altre volte ancora invece dalla mera natura delle cose stesse. Fatto sta che il livello di intensità di qualcosa è direttamente proporzionato al livello di piacere da noi percepito.

Mi spiego meglio: un bacio💋 capace di scatenare un vero e proprio vortice di farfalle che svolazzano felici nella nostra pancia non genera lo stesso piacere e la stessa intensità di un bacio sfocato, tiepido e senza passione. Un caffè☕️ annacquato ordinato in qualche ristorante senz’anima non ha la stessa intensità di un buon espresso che risveglia tutte le cellule del tuo essere attraverso una pura botta di adrenalina. Un piatto di pasta scotta🍝 non ha la stessa intensità di un sano e succulento piatto di spaghetti alle cozze in grado di mandare le tue papille gustative in tilt e di procurare un vero e proprio orgasmo culinario. E così via, potrei andare avanti per ore parlando di cinema, libri, amore, vita, dolore, passione e di tutte quelle sfumature che colorano la nostra vita.

guatemala, semuc champey, the lazy trotter, viaggio a semuc champey

Se sei alla ricerca di cosa vedere in Guatemala, una capatina a Semuc Champey è praticamente imperdibile. Penso che Semuc Champey sia un po’ come la donna perfetta in grado di stregare chiunque attraverso il suo fascino: selvaggia e difficile da raggiungere ma, una volta arrivati all’interno del suo regno, ci si perde nei meandri della sua infinita bellezza. Un parco naturale composto da piscine dall’acqua turchese, cascate e pura giungla. Stormi di uccelli dalla coda gialla che volano liberi nell’aria. Un’esplosione di pietre calcaree. E poi natura, natura e ancora natura. Una natura dominante, che ti abbraccia in tutta la sua generosità. Una pachamama divina che si diverte a mettersi in mostra per farti sentire sempre più piccolo davanti al suo cospetto.

viaggio a semuc champey, the lazy trotter

Ecco qualche info utile per chi decide di visitare il Guatemala e regalarsi l’intensità del piacere di Semuc Champey.

Leggi anche: Lago Atitlán, Guatemala. Tutte le informazioni che stavi cercando. 

Come arrivare a Semuc Champey:
Una volta in Guatemala basta rivolgersi a una delle tante agenzie di viaggio per prenotare uno shuttle per arrivare a Semuc Champey. Per quanto sia un’amante dell’avventura, in questo caso non me la sono sentita di prendere la camioneta locale. Troppi cambi e troppi sbattimenti. Sono partita da Panajachel con lo shuttle delle 8 di mattina e il prezzo per il biglietto di andata e ritorno per la Laguna equivale a 450Q. In agenzia mi avevano detto che l’intero viaggio sarebbe durato circa 8 ore – bugia. Ci abbiamo messo 13 ore all’andata – abbiamo forato – e 12 al ritorno.

Dove dormire a Semuc Champey:
Esistono numerosi ostelli a Semuc Champey. Io ho dormito presso El Retiro e devo ammettere che mi sono trovata molto bene. Atmosfera rilassata, personale gentile e bagni in comune sempre puliti. El Retiro si trova a Lanquin e per raggiungere Semuc Champey bisogna salire su un pick up che ti porta a destinazione dopo circa 45 minuti. Tuttavia esistono vari ostelli a pochi metri da Semuc Champey per chi non vuole trascorrere la notte a Lanquin. Io ne ho approfittato per regalarmi un’intera giornata gironzolando intorno al paese, andando al mercato – dove ovviamente ho preso un huipil di questa regione 🙂 – e scambiando quattro chiacchiere con la gente locale. L’intera area è ricca di piantagioni di cacao dove potersi perdere.

Da non perdere:
Una volta arrivati a Semuc Champey entrate nell’ottica dell’idea di sudare l’anima per arrivare sulla cima del Mirador. Una salita faticosa e bastarda, ma fidatevi: una volta lassù la vista delle piscine dall’alto vi farà dimenticare di tutto il sudore versato. 

guatemala, semuc champey, the lazy trotter, viaggio a semuc champey

viaggio a semuc champey, the lazy trotter, cristina buonerbasemuc champey, the lazy trotter, guatemala, viaggio a semuc champey

semuc champey, the lazy trotter, guatemala, viaggio a semuc champey

1 Discussion on “Semuc Champey. Guatemala. Benvenuti in Paradiso.”

Leave A Comment

Your email address will not be published.