Viaggi responsabili: 6 modi per ridurre lo spreco della plastica

Questo è un argomento che mi sta particolarmente a cuore. Mai come adesso viaggiare è diventata una realtà possibile e alla portata di tutti. Ma se da un lato muoversi da una latitudine all’altra ci aiuta ad ampliare i nostri orizzonti e le nostre esperienze di vita, dall’altra dovremmo cercare di concentrarci su viaggi responsabili, che limitino il più possibile il nostro impatto ambientale e culturale nelle destinazioni che abbiamo scelto di visitare.

Sorseggiare cocktail a Bali ci può apparire come la realizzazione di un sogno proibito, ma ci siamo mai soffermati a pensare quali conseguenze comporti il nostro divertimento sull’ambiente?

Considerando che noi vogliamo essere delle trotterelline responsabili, desiderose di esplorare il mondo per conoscere, assorbire ed espandere la nostra mente e non per appesantire ancora di più le spalle ormai stanche della nostra madre terra, direi di iniziare subito trattando un tema su cui dovremmo prestare tutti tanta, ma tanta attenzione: ridurre lo spreco della plastica.

Come ben sapete, nonostante viva costantemente in giro per il mondo sono una salentina verace e proprio quest’estate mi è capitato, ancora una volta, di sentire il mio sangue che ribolliva di rabbia davanti alla vista di tanta, troppa plastica che galleggiava in mare.

Ho fatto ben cinque viaggi dal mare alla spazzatura per buttare malloppi di plastica e nonostante tutto avrei potuto continuare ad andare avanti per ore, davanti agli occhi increduli della gente che mi guardava come se fossi una povera pazza, senza capire invece che la responsabilità è di tutti.

Perché il mare è di tutti e la società siamo noi e se non siamo noi stessi a impegnarci a fare la differenza, chi ci penserà?

Anche la mia amica WildFlowerMood vuole vivere in mondo plastic free e lo racconta in questo video dove sfida i propri follower a vivere una settimana senza plastica 🙂

Viaggi responsabili: 6 modi per ridurre lo spreco della plastica

Usa la coppetta mestruale

viaggi responsabili, coppetta mestruale

Quella della coppetta mestruale per me è diventata una vera e propria battaglia personale. La consiglio praticamente a chiunque: a me ha cambiato la vita e non tornerei mai indietro all’uso degli assorbenti.

E adesso non venite a farmi una faccia storta e disgustata: la coppetta mestruale esiste da più di dieci anni ormai e non conosco neppure una donna che dopo averla provata non ne sia rimasta felice. Conviene da tutti i punti di vista:

  • Ambientale: basta inquinare inutilmente l’ambiente con l’uso di tanta plastica e assorbenti che rappresentano un rifiuto non riciclabile che continua ad accumularsi nelle discariche e ad appesantire la terra
  • Economico: la si compra una volta e dura dai 3 ai 4 anni. Non avrai più bisogno di acquistare pacchi di assorbenti ogni mese
  • Salutare: a differenza degli assorbenti, che vengono trattati con agenti sbiancanti o cloro e che potrebbero rilasciare dei filamenti nelle nostre pareti vaginali, la coppetta mestruale è in silicone ed è anallergica e impedisce il contatto di germi e batteri con le mucose
  • Fisico: per quanto all’inizio l’idea di utilizzarla possa fare quasi impressione, la coppetta mestruale ci permette di monitorare che tipo di flusso abbiamo ogni mese, per avere uno sguardo sempre attento sul nostro stato di salute

-> La trovi su Amazon: clicca qui

Viaggia con una borraccia

viaggi responsabili, coppetta mestruale

E lo so che consigliare di utilizzare una borraccia può sembrare una banalità, ma in tutta onestà quanti di noi la usano veramente quando sono in viaggio? Anche in questo caso, oltre a comportare un vantaggio economico (se fai la somma di tutte le bottigliette di plastica acquistate vedrai che alla fine senza rendertene conto potrai risparmiare un bel gruzzoletto), si tratta di un ottimo modo per ridurre lo spreco della plastica. E non è forse questo il nostro interesse principale?

Per non parlare poi del fatto che una buona borraccia serve a mantenere l’acqua al fresco o persino a filtrarla. Online se ne trovano tantissime, io uso da anni una 24Bottles gialla e mi trovo benissimo.
-> La trovi su Amazon: clicca qui

Limita l’uso di cannucce

viaggi responsabili, coppetta mestruale

Ecco un altro grande nemico dell’ambiente e di chiunque si impegni a vivere una vita ecologica e a intraprendere un viaggio responsabile: le cannucce di plastica. Pratiche, colorate, usa e getta e da sempre protagoniste dei nostri momenti di svago… ma abbiamo mai pensato a che impatto ambientale possano comportare?

L’uso delle cannucce di plastica è massiccio e altamente pericoloso per la salute dei nostri oceani e della nostra madre terra.
Se da un lato ogni volta che viaggio noto come sempre più realtà tendono a sostituire l’uso di cannucce di plastica con cannucce di bambù, cannucce di pasta o altre alternative eco-friendly, sfortunatamente l’uso delle cannucce tradizionali continua a essere troppo diffuso.

Cosa fare quindi? Beh, chiedere di non usare nessuna cannuccia nel tuo drink potrebbe essere un ottimo inizio. Facci caso, in particolare se sei in viaggio nel sud est asiatico: in questi paesi l’abbondanza di cannucce è praticamente ridicola!

Oltre alle cannucce di plastica prova a limitare anche l’uso di:

  • posate di plastica
  • piatti di plastica
  • bicchieri di plastica

Ridurre il consumo della plastica è possibile: basta solo fare un minimo di attenzione.

LEGGI ANCHE: 

Fai tanto shopping ma usa poca plastica!

viaggi responsabili, coppetta mestruale

Essendo una smorfiosetta conclamata e una spendacciona, difficilmente da parte mia riceverai consigli su come mantenere uno stile di vita minimalista e con pochi sprechi. Una parte importante di un viaggio consiste proprio nell’andarsene in giro tra negozietti e mercatini per scovare meraviglie locali, tipiche di una determinata regione.

Invece che chiudere il portafogli, proviamo ad aprire la mente, magari preferendo l’acquisto di prodotti di artigianato, meglio ancora se locali e fatti a mano, in modo tale da poter supportare le comunità locali. E poi portiamo sempre con noi una shopping bag in cotone, io praticamente non potrei più viaggiare senza.

Diciamo no alle buste di plastica e infiliamo tutto all’interno della nostra cotton bag. Anche in questo caso basta veramente pochissimo per iniziare a fare la differenza.
-> La trovi su Amazon: clicca qui 

Usa sapone e shampoo solido

viaggi responsabili, coppetta mestruale

E anche in questo caso i vantaggi sono molteplici: se da un lato l’utilizzo di sapone e shampoo solido serve a limitare il consumo della plastica, dall’altro si tratta di una vera e propria svolta anche quando si viaggia. Oltre al fatto che acquistare saponi naturali e biologici presso i mercatini locali è mille volte meglio rispetto all’andare al supermercato e comprare una confezione di bagnoschiuma, in questo modo non dobbiamo portare pesi inutili e soprattutto risolviamo il problema dei liquidi da mettere nel bagaglio a mano.

Avete notato come le soluzioni che fanno bene all’ambiente siano anche particolarmente pratiche e vantaggiose anche da altri punti di vista?

Ho iniziato a usare quasi tutto in versione solida e devo dire che non solo mi trovo benissimo, ma amo anche ogni prodotto che ho provato, specialmente lo shampoo! Tra i miei brand preferiti ci sono Lush e PureChimp.
-> Li trovi su Amazon: clicca qui  

Non lasciarti trasportare troppo dal servizio di bordo

viaggi responsabili

 

In Salento abbiamo un proverbio che in questo caso credo sia perfetto” Quandu è francu…. ungime tuttu”, ovvero: “Quando qualcosa è gratis, puoi approfittarne quanto vuoi”.

Hai mai fatto caso a quanti bicchieri di plastica vengono utilizzati a bordo di un aereo? O a quanto spreco di cibo ci sia? Per qualche strano motivo davanti a qualcosa di gratuito e disponibile la mente umana tende sempre ad abbondare e non invece a limitare il consumo a ciò che é giusto.
Che senso ha assaggiare quel tortino dall’aspetto piuttosto dubbio che sappiamo entrambi che non finirai mai? O che senso ha farsi dare un bicchiere nuovo per ogni sorso d’acqua che ci viene offerto, specialmente se stiamo affrontando un volo a lunga tratta?

Cerchiamo di fare attenzione, di utilizzare sempre lo stesso bicchiere per evitare di inquinare e di evitare di sprecare cibo e packaging che sappiamo già che non fanno per noi.

La nostra bellissima terra ha seriamente bisogno di un respiro di sollievo e facendo qualche piccolo sforzo, insieme possiamo fare la differenza!

Seguimi nei miei viaggi su Instagram e Facebook, ti aspetto per chiacchierare insieme!

P.S.
Questo post contiene delle affiliazioni. Che cosa significa? Che io riceverò una piccola commissione da Amazon senza che ci sia nessun costo extra da parte tua. Consideralo un modo per offrirmi un bicchiere di vino per aver dedicato del tempo a scrivere questo articolo. Cheers! 

 

 

 

 

 

Lascia Un Commento, Fammi Sapere Cosa Pensi

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.